Papà è morto senza testamento. Dato che in vita ha venduto terreni ed un immobile…

Papà è morto senza testamento. Dato che in vita ha venduto terreni ed un immobile, dando le somme ricavate in maggior parte a  mio fratello ed una parte a mia sorella. Dei terreni non ho prove, ma ne sono sicura, perchè erano discorsi che facevano tutti i familiari, mia madre compresa. Mio fratello quando papà vendette i primi terreni, aprì un’attività commerciale, che poi ha chiuso ed in seguito aperta un’altra. Anche mia sorella dopo la vendita di altri terreni, suppongo di valore inferiore, perchè in una zona meno quotata, acquistò facendo comunque il mutuo, una villetta con relativo terreno. Con la vendita dell’immobile invece mio fratello, firmò un foglio  che ci consegnò, nel quale diceva di ricevere il ricavato della vendita e di rinunciare alla sua parte di una villetta, nella quale abitiamo attualmente io e mia madre.  Dopo  la morte di mio padre, però dice che quel foglio firmato non è valido, perchè non era stato ufficializzato da un notaio. Mi hanno presentato una successione, già preparata da un notaio, che dovevo firmare, nella quale mio fratello si prendeva i terreni rimasti, lasciando la villetta a me e mia sorella. Essendo la villetta di valore maggiore, io avrei dovuto impegnarmi a dare a mio fratello “una somma in denaro”. Inoltre nella successione preparata dai miei fratelli dal notaio, non veniva menzionato un terreno vicino  al municipio della mia città, che il comune uso come parcheggio. in quanto dicono che non è divisibile, appunto perchè lo sta usando il comune. Vorrei sapere se così senza prove e loro che negano di avere mai avuto niente e mi dicono che tanto non posso dimostrarlo, posso richiedere la collazione o perdo solo tempo. Inoltre  mia sorella mi fece firmare un foglio in cui davo la delega a lei per incassare i soldi, degli arretrati dell’indennità dell’accompagnamento di mio padre, che sono arrivati dopo che è morto. Io poi, non ho avuto niente, perchè lei dice che poi non sono stati dati. Con la ricostruzione dei beni di mio padre, questi risulterebbero? Il terreno vicino al municipio, potrebbe rientrare? Io di quest’ultimo ho trovato un documento fatto dal notaio, nel quale risulta che papà lo ha ricevuto in eredità dal nonno. In poche parole, vorrei capire se avrebbe un senso fare una richiesta di collazione, visto che non prove e loro negano. Vi ringrazio per la gentilezza.

Cordiali saluti.

PS: mi sono rifiutata di firmare la successione da loro preparata.

 

Gentile signora,

il consiglio che le possiamo dare è quello di ricostruire e documentare i movimenti bancari dai quali desumere e provare il passaggio di denaro da suo padre ai suoi fratelli.

Per quanto riguarda le scritture private disconosciute dai suoi fratelli il consiglio è quello di rivolgersi a un avvocato che possa valutarne la validità al fine di tutelare i suoi diritti successori.

Cordiali saluti.

Invia un commento