Buongiorno, io e mio marito stiamo acquistando un immobile di nuova costruzione…

Buongiorno, io e mio marito stiamo acquistando un immobile di nuova costruzione direttamente dall’impresa. Abbiamo un figlio minore. Io sono già proprietaria dell’abitazione in cui attualmente viviamo che quindi risulta prima casa ai fini fiscali e dove abbiamo entrambe la residenza. Ci hanno spiegato che, considerata la fascia di età, il valore della casa (nuova) è ripartibile in 20% nuda proprietà e 80% usufrutto. Allo scopo di ridurre la quantità di tasse da pagare sull’acquisto della nuova casa ci è stato consigliato di operare in questo modo: dividere tra me e mio marito la nuda proprietà al 50% e intestare a lui e il 100% dell’usufrutto. In questo modo pagheremmo il 10% di iva solo su mio 50% di nuda proprietà, il 4% sul resto.
Mi piacerebbe sapere quali diritti effettivi conserverei io in questo modo sull’immobile e cosa succederebbe in caso di decesso di uno dei coniugi per quello superstite.
E se invece intestassi a me il 10% della nuda proprietà e a lui il 90% + tutto l’usufrutto, cosa succederebbe per me in termini di diritti e cosa in caso di morte di uno dei due?
Grazie

 

In risposta al suo quesito le diciamo che l’usufruttuario ha il diritto di godere dell’immobile abitandolo o dandolo in locazione, può anche cedere ad altri il proprio diritto.

Il nudo proprietario non alcun diritto sull’immobile (se non quello di cederlo), non ne paga le relative imposte, ed è tenuto solo al pagamento delle spese di straordinaria manutenzione.

Se viene a mancare l’usufruttuario il suo diritto si riunisce con quello del nudo proprietario (che divenrta pertanto pieno proprietario dell’immobile).

Se viene a mancare il nudo proprietario il suo diritto cade in successione a favore degli eredi legittimi e testamentari dello stesso.

In presenza di più nudi proprietari ciascuno di loro risponde, per quanto sopra detto, limitatamente alla sua quota di proprietà.

Invia un commento